Home Programma Eventi
Paolo Nori e Daniele Benati. La banda del formaggio PDF Stampa E-mail

Sabato 22 giugno

Circolo Arci Cucine del Popolo
via Beethoven 78/C - Massenzatico (RE)

ore 20

buffet della Cuoca Rosso-Nera

ore 21.30

Paolo Nori e Daniele Benati leggono

La banda del formaggio

Ermanno Baistrocchi fa l'editore. Va in giro a far notare le impercettibili differenze tra i suoi libri e quelli delle altre case editrici. Paride Spaggiari fa il libraio. Invita Ermanno nella sua libreria e poi gli fa delle telefonate bellissime, tutte piene di zioboja, ma non sono zioboja d'impazienza, sono come il basso che suona l'un due tre di un valzer, i suoi discorsi sono dei valzer, mettono di buon umore. Poi quando Ermanno ha la possibilità di comprare tre librerie Paride si offre di diventare suo socio, che si trova con una certa liquidità. E per quindici anni Ermanno, tutto quello che fa, ne ha prima parlato con Paride. Poi salta fuori il buridone che i soldi per le librerie a Paride venivano dalla banda del formaggio, come se i delinquenti a Parma fossero tutti della gente che non vedeva l'ora di comprarsi una libreria, come se avere una libreria fosse una specie di status symbol per i ladri. E finisce che Paride si butta giù dal settimo piano, e dicono che sia stato per via dei giornali, per via di quello che avevano scritto sopra i giornali, ma secondo Ermanno non era mica per quello. La banda del formaggio è la storia di un editore che un giorno sull'autobus prova affetto per il suo cuore che batte, e gli verrebbe da ricominciare. È la storia di un libraio che il delinquente avrebbe voluto farlo come Raskol'nikov, o come il conte di Montecristo, e che ha lasciato a suo nipote, che ancora non c'è, una filastrocca che Ermanno impara a memoria, per lasciarla anche al suo, di nipote, che chissà se mai ci sarà.

info 329 0660868 || facebook: Centro Studi Cucine del Popolo

 
Anarchismo e Surrealismo. Arturo Schwarz a Massenzatico PDF Stampa E-mail

Mercoledì 19 giugno

Circolo Arci Cucine del Popolo
via Beethoven 78/C - Massenzatico (RE)

ore 20

buffet della Cuoca Rosso-Nera

ore 21.00

dialogo con Arturo Schwarz

Anarchismo e Surrealismo

Arturo Schwarz è una di quelle persone che fatica a stare dentro ad una semplice definizione.

Nato ad Alessandria d’Egitto nel 1924 è uno storico dell’arte, studioso del pensiero alchemico e della Qabbalah, scrittore, poeta, ma anche uno dei massimi esperti viventi di Surrealismo e Dadaismo, amico di Breton, Peret, Artaud, Duchamp, Ernst, Magritte, Man Ray dei quale ha contribuito a diffondere idee e opere in Italia ed all’estero.

Con la sua attività di editore ha concorso a fare conoscere il meglio della poesia del Novecento, mentre come gallerista, insieme alle avanguardie storiche, ha supportato tutte le avanguardie del secondo dopoguerra dal movimento dell’Arte nucleare a Fluxus. Un uomo che ha sempre amato la libertà tanto da essere espulso dall’Egitto nel 1948 dopo numerosi arresti. Un anarchico, un instancabile cervello al servizio dell’amore, della poesia e del pensiero rivoluzionario.

Un’occasione per confrontarsi con uno straordinario testimone del Novecento.

info 329 0660868 || facebook: Centro Studi Cucine del Popolo

 
<< Inizio < Prec. 31 32 33 34 35 36 Succ. > Fine >>

JPAGE_CURRENT_OF_TOTAL
Licenza Creative Commons
Centro studi Le cucine del popolo by Centro studi Le cucine del popolo is licensed under a
Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 2.5 Italia License