Home Il centro studi
La vera storia delle cucine del popolo PDF Stampa E-mail
Scritto da Gianandrea Ferrari   

Nel 2002 incontrai per la prima volta a Milano Gino Veronelli, durante un'iniziativa di movimento. Dopo le rituali presentazioni ci siamo fatti travolgere da una vivace discussione su vini e politica, editoria e anarchia. Si stabilì una bella intesa, con una forte simpatia favorita dai comuni ideali anarchici. Così iniziammo a sentirci regolarmente per costruire un evento legato al cibo e ai vini riconducibile alla tradizione anarchica e socialista. Era necessario allestire un'iniziativa originale, volutamente ruvida, tesa a riscoprire e, naturalmente, a riproporre la tavola proletaria, estranea per sua natura alle imposizioni del capitale alimentare. Si trattava, inoltre, di scavalcare quel perbenismo salutista sollecitato ad arte dall'ingordo mercato gastronomico. Ma ci premeva, sopratutto, ritrovare i luoghi, i tempi e i ricettari delle utopie alimentari tenendo in debito conto il grandissimo valore della madre terra. Per alcuni mesi ragionammo sulle funzioni delle cucine rosse, sulle mense anarchiche, sui presidi della solidarietà operaia e sulla loro valenza sociale, aggregativa e nutrizionale. Estendemmo questa riflessione, per altro resa pubblica dal settimanale "Carta" ad un altro artista libertario, che illustrò il primo manifesto delle cucine del popolo: Pablo Echaurren. Furono poi coinvolti un gruppo di "studiosi di riferimento", con in testa il professor Giorgio Sacchetti, alcuni scrittori e poeti della zona, Arturo Bertoldi, Giuseppe Caliceti e Stefano Raspini e qualche esponente della Federazione Anarchica Reggiana: Monia Ravazzini, Federico Ferretti e Fabio Dolci. Nel 2003 organizzammo a Reggio Emilia un grande happening su cibo, vino e anarchia, seguito da un rinfresco libertario con Gino Veronelli. In quella giornata indimenticabile fu definito il percorso delle Cucine del Popolo. Partendo proprio dal profondo legame che ha unito il piacere della tavola al piacere della libertà. Trovammo subito un luogo magico per realizzare il convegno, nella frazione di Massenzatico, dove fu costruita la prima Casa del Popolo italiana, nel 1893 dai pionieri dell'emancipazione. Serviva una collocazione coerente con la finalità dell'evento dove i valori della sorellanza e della fratellanza continuassero a rinnovarsi nel tempo secondo la migliore tradizione libertaria. Fissammo per il 31 ottobre 2004 la data per il primo convegno con un programma immaginario, partendo volutamente dalla tavola del primo socialismo internazionalista. Ci organizzammo in modo autogestito, senza dirigenti, escludendo qualsiasi finanziamento pubblico, contando solo sul lavoro volontario dei nostri militanti e sulla generosa partecipazione dei compagni di Massenzatico con le loro "Cuoche Rosse", vero motore delle Cucine del Popolo. Purtroppo l'implacabile malattia di Gino Veronelli gli impedì di essere presente a questa grandissima festa popolare. Nonostante le condizioni di salute continuò a darci il suo supporto fino al momento della sua morte, avvenuta qualche tempo dopo, regalandoci quel piccolo capolavoro letterario, "Amici Anarchici", più volte pubblicato sulle riviste di movimento. Il convegno fu un successo pieno: un migliaio di partecipanti vissero quella giornata in modo effervescente, riscoprendo le ricette perdute, i lambruschi proibiti, le insalate estinte, i piatti ritrovati, i liquori proletari e le svariate portate della cucina sociale. Con questo grande entusiasmo mettemmo in cantiere per il 2006 le "Cucine Letterarie – tavola proletaria e narrativa sociale", nel 2008 la "Cucina dell'utopista – viaggi, sogni, bisogni e rivoluzioni"; nel 2010 la "Cucina della Locomotiva – visioni, migrazioni, movimenti e liberazioni"; e per continuare, nell'ottobre 2012 saremo tutti alle "Cucine della Rivoluzion". Tutti i convegni furono caratterizzati da sessioni di studi storici di altissimo valore culturale ed enogastronimo. Queste ricerche sono state realizzate da: Fiamma Chessa, Alberto Ciampi, Giorgio Sacchetti, Federico Ferretti, Guido Pautasso, Marco Rossi, Giovanni Biancardi, Alberto Capatti, Andrea Perin, Tiberio Artioli, Natalia Caprili, Michele Zucca, Luisa Cetti, Daniele Barbieri, Alessio Lega, Franco Schirone, Alfredo Gonzalez, Maurizio Maggiani, Libereso Guglielmi e Edoardo Sanguineti. Nel frattempo costituimmo il Centro Studi Cucine del Popolo per favorire una riflessione complessiva: da una parte sul cibo nella storia del movimento operaio e delle avanguardie artistiche e letterarie e dall'altra sui laboratori dell'alimentazione, produzioni artigianali, coordinamenti autogestiti e iniziative culturali sulla contemporaneità. E ancora: costruimmo preziose collaborazioni con il professor Alberto Capatti, grande studioso della gastronomia di tutti i tempi e con il Barone Rosso della Lunigiana, cuoco e profeta dalle qualità interstellari. Le nostre "intuizioni irregolari" sulle Cucine del Popolo hanno trovato, in questo percorso decennale, una significativa conferma facendo emergere radici delle nostre battaglie quotidiane e nel contempo fornendoci nuovi spunti di riflessione ed argomenti con i quali arricchire il nostro agire politico. Possiamo dire che anche grazie a questo "viaggio" si è tornato a parlare del significato della cucina sociale, della valorizzazione di un consumo critico, dello sviluppo di forme solidaristiche sul piano alimentare, della riproposta di spazi sociali, osterie e caffè letterari e altri luoghi. Oggi come allora l'obiettivo è quello di costruire un'intelligenza collettiva alimentare che vada oltre l'uso capitalistico del cibo. Grezza ed irrequieta, ribelle e curiosa, profondamente libertaria.

 

Giorgio Sacchetti

Cucine del Popolo 2012: anarchici ancora a tavola

Nel 2004 si inaugurò con successo il ciclo che a tutt’oggi prosegue: un laboratorio politico culturale unico nel suo genere. Un disegno complessivo che ha mosso gli organizzatori insieme a noi entusiasti partecipanti. Gli affollati convegni, la puntuale kermesse biennale, le iniziative di notevole spessore (con l’adesione di intellettuali, scrittori e personalità della cultura) hanno occupato uno spazio tematico non presidiato da nessuna delle numerose associazioni, talune meritorie, che si muovono nel grande caravanserraglio della divulgazione eno-gastronomica in Italia. Dopo le “cucine del popolo”, quelle “letterarie” (dedicate alla narrativa sociale), quelle dell’Utopista (sogni e bisogni) e della Locomotiva, si torna al tema centrale della Rivoluzione.

pulsante_leggitutto

Arturo Bertoldi

La "maledizione" di Veronelli e altre storie da leggere e ad ascoltare

Come tutte le avventure che si rispettano, anche le Cucine del Popolo iniziano con una "maledizione", uno scherzo del destino, un fatto imprevisto e imprevedibile.

pulsante_leggitutto

Gianandrea Ferrari

La vera storia delle cucine del popolo

Nel 2002 incontrai per la prima volta a Milano Gino Veronelli, durante un'iniziativa di movimento. Dopo le rituali presentazioni ci siamo fatti travolgere da una vivace discussione su vini e politica, editoria e anarchia.

pulsante_leggitutto

Licenza Creative Commons
Centro studi Le cucine del popolo by Centro studi Le cucine del popolo is licensed under a
Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 2.5 Italia License